Programmi liberi - software etico

Programmi liberi e gratuiti per Windows Documentazione su GNU/Linux Libri e articoli sul free software/Open source Link a indirizzi utili


"Il 31 marzo 2003 all'Università del Sangha di Seul, in Corea, i monaci di Plum Village hanno consegnato una versione rivista del Pratimoksha [codice monastico]....
... Tra i 250 precetti della nuova versione del Pratimoksha ce ne sono alcuni che riguardano l'uso delle automobili, del computer, della televisione, dei giochi elettronici e di Internet."
 
Insieme con gioia, p. 54, Thich Nhat Hanh
2° addestramento alla Consapevolezza. Consapevole della sofferenza causata dallo sfruttamento, ingiustizia sociale, furto ed oppressione, mi impegno a coltivare la gentilezza amorevole e a imparare i modi per favorire il benessere di persone, animali, piante e minerali...
...Sono determinato/a a non rubare e a non possedere nulla che possa appartenere ad altri. Rispetterò la proprietà altrui, ma impedirò agli altri di trarre profitto dalla sofferenza umana o dalla sofferenza delle altre specie sulla Terra."

Da Canti e recitazioni di Plum Village, i Cinque addestramenti alla Consapevolezza, P. 64


5° addestramento alla consapevolezza.
Consapevole della sofferenza causata dal consumo non consapevole, mi impegno a coltivare una buona salute, fisica e mentale, per me stesso, la mia famiglia e la mia società, praticando il mangiare, il bere ed il consumo consapevole.              

Da Canti e recitazioni di Plum Village, i Cinque addestramenti alla Consapevolezza, P. 65



    Il computer ormai è entrato così profondamente nella nostra vita quotidiana che quasi non ci accorgiamo più della sua presenza. Con estrema naturalezza scriviamo e stampiamo  lettere, rispondiamo a e-mail di amici lontani, ritocchiamo e stampiamo foto, ascoltiamo musica, guardiamo dei film... la lista potrebbe allungarsi a dismisura. Ma per eseguire con esso tutte le operazioni che desideriamo, è necessario che siano installati i programmi appropriati. Alcuni di essi vengono regalati assieme al computer, ma spesso sono dimostrativi o limitati nelle funzioni. A volte troviamo su internet i programmi necessari, altre volte un amico esperto li installa per noi. Ma raramente ci domandiamo se abbiamo il diritto di usare questi programmi. Normalmente quelli che richiedono un codice di attivazione sono a pagamento; nel caso di dubbio è bene consultare i termini di licenza, che appaiono sempre durante l'installazione.
    Anche Thay ha sentito il bisogno di inserire alcune regole per il comportamento monastico relativo all'uso del computer, dei giochi elettronici e di Internet. Quando installiamo un programma che richiede il pagamento di una licenza senza ottemperare a questo obbligo, infrangiamo il secondo principio alla consapevolezza. Fortunatamente nel mondo del software c'è stata un'apertura: circa quindici anni fa un ragazzo finlandese, Linus Torvalds, iniziò quasi per gioco un progetto che oggi è sviluppato da migliaia di programmatori: il sistema operativo Linux. Attorno ad esso sono stati scritti tantissimi programmi applicativi: videoscrittura, fogli di calcolo, disegno a mano libera e vettoriale, per ascoltare musica, gestire grandi aziende o servizi Internet. Sull'onda del lento ma crescente successo, negli ultimi cinque anni molti progetti sono stati trasportati su piattaforma Windows ed ora è possibile reperire programmi di grande maturità e valore che possono tranquillamente affiancarsi a quelli proprietari e a pagamento.
    Non c'è nessuna presa di posizione contro i programmi a pagamento, che hanno permesso finora lo sviluppo della tecnologia informatica; semplicemente è bene sapere che ora c'è la possibilità di scegliere consapevolmente, aumentando la nostra libertà di usare, distribuire, modificare e migliorare il software.
 

Un po' di storia del free software/open source.   Negli anni '60 agli albori della informatica di massa, i programmi erano abbastanza rudimentali e spesso venivano regalati assieme ai calcolatori, che avevano un costo altissimo. Provvedeva poi l'utilizzatore a modificare il codice per adattarlo alle sue esigenze. Con il passare del tempo, le prospettive si sono ribaltate: i calcolatori sono diventati sempre più economici e i progammi più complessi e costosi da sviluppare. Quindi sono state poste delle limitazioni sul loro uso ed il loro costo di acquisto è diventato piuttosto sensibile.
Richard Stallman, ricercatore universitario del MIT di Boston, per primo si rese conto del problema. Negli anni '70 teorizzò che i programmi per calcolatori, al pari della scienza e dell'arte sono un bene comune dell'umanità e non possono essere mantenuti segreti e proprietà di pochi.
Nacque così la filosofia del "free software", che per non venire confusa con il software gratuito, è oggi universalmente conosciuta come "open source", tradotto con codice libero o codice aperto. I punti cardine sono: i programmi devono essere liberamente modificabili e migliorabili e nel corso dello sviluppo rimanere tali, possono esseri distribuiti e montati su un numero illimitato di computer. Questo ha permesso a migliaia di programmatori di formare una comunità armonica che collabora insieme per sviluppare un progetto comune. Ed è meraviglioso come questa formula di collaborazione disinteressata abbia avuto un enorme successo. I programmi liberi spesso sono anche gratuiti, ma nulla vieta a chi li produce di ricavarne un giusto guadagno. I progetti "open source" sono distribuiti sotto licenza GPL o MPL, che protegge il software da abusi: nessuna parte di codice libero può essere usata per creare programmi proprietari e le modifiche al software devono esser rilasciate con la stessa licenza.
Stallman creò programmi di notevole valore ma la svolta venne all'inizio del 90, quando un giovane finlandese, Linus Torvalds, rilasciò sotto licenza GPL [quella che regola i programmi free software/open source] un sistema operativo che in questi ultimi anni seguendo il processo cooperativo ha raggiunto una notevole popolarità: Linux.
I programmi proposti in questo CD sono liberamente utilizzabili con Windows ed oltre ad avere un indiscutibile valore tecnico tale da renderli assolutamente paragonabili ai più famosi programmi proprietari, rispondono ai criteri sopra elencati.
Essi sono scritti gratuitamente e liberamente da una comunità di programmatori, non hanno richiesto grandi e costose strutture per essere sviluppati, distribuiti e pubblicizzati; nessuno è stato sfruttato per la loro produzione e nel caso che vengano riscontrati problemi di sicurezza sono immediatamente corretti; possono essere usati da tutti, anche dalle popolazioni poverissime perchè quasi sempre gratuiti. A causa di ciò si può affermare che questo genere di software abbia una valenza etica e risponda al quinto addestramento alla consapevolezza, relativo al consumo consapevole.

Per saperne di più: http://www.italy.fsfeurope.org/index.it.html ......http://it.wikipedia.org/wiki/Opensource .....http://www.opensource.org (inglese)

Per trovare software libero: http://www.sourceforge.net/     http://www.linuxiso.org/

Programmi liberi e gratuiti per Windows Documentazione su GNU/Linux Libri e articoli sul free software/Open source Link a indirizzi utili

 


Pagina principale


 

Pagina principale

 

Novità
-----------------------
I corsi
I seminari
Dove siamo
Chi siamo

------------------------
Lo yoga

L'ayurveda
Libri & articoli
Bibliografia
------------------------
Doc. fotografici
Cucina vegetariana
Software etico
Progetti di sviluppo
------------------------
Links
-----------------------

Regolamento
Statuto

 

Centro Yoga Anahata
c/o Atelier di danza ........Via Scalabrini 19
29100 Piacenza
Tel. 0523/336715 - 339/2709918 (cell.)
http://www.centroanahata.org ...e-mail: info@centroanahata.org
Centro affiliato a Y.A.N.I.